martedì 15 ottobre 2013

CREMA DI ZUCCA CON FAGIOLI CANNELLINI , PEPERONI SECCHI E ROSMARINO


 
Ciao , quella che posto oggi è una ricetta tipicamente autunnale a base di zucca , proporro' due varianti della stessa una sarà una crema , l'altra prevederà la zucca a pezzi , questultima rappresenta la versione più tradizionale, di un piatto tipico che si prepara nella zona più a nord della costa Abruzzese , precisamente in Val Vibrata ,( splendido territorio dal quale io provengo) , di cui vi parlerò spesso proponendo molti dei prodotti e dei piatti che fanno parte di questa identità territoriale , come nel caso di oggi , con in più un tocco di innovazione e creatività .




 
L'ingrediene principale è la zucca , l'abruzzo non è una regione particolarmente famosa per la coltivazione di questo ortaggio , come lo sono invce le regioni del nord.Nonostante ciò è presente nelle tavole e nella cucina tradizionale proprio con questa ricetta, che la vede accompagnata da fagioli , cannellini o tondini che venivano coltivati nelle campagne. Elemento poi di grande gusto e sapore è dato dall'uso dei peperoni dolci secchi (si tratta di peperoni varietà corno , piuttosto piccoli , in estate vengono legati insieme come si fa con i peperoncini piccanti e lasciati essiccare )una volta puliti vanno soffritti in olio e uniti alla zucca e ai fagioli che avremo insaporito con un fondo fatto con aglio e rosmarino , aromi che non si abbinano spesso alla zucca , credetemi però creano un connubio perfetto di sapori. Nella cucina contadina veniva proposto come piatto unico da mangiare a pranzo , io ne ho realizzato una versione che sta bene come antipasto ,una piccola porzione messa in ciotoline individuali da abbinare ad altre verdure e salumi, a voi la scelta ...



 
Per quanto riguarda la varietà che ho utilizzato si tratta della butternut , nome che deriva dalla forma stessa della zucca appunto allungata come un arachide , per spiegarmi meglio ho inserito le foto di quelle provenienti dall'orto che cura il mio papà!



 
INGREDIENTI PER 4 PERSONE(se lo mangiamo come piatto unico)
1kg di polpa di zucca pulita
400gr di fagioli cannellini, lessati
1 spicchi d'aglio
rosmarino 2 rametti
4  peperoni dolci secchi (si trovano negli  iper mercati forniti vicino alla frutta secca .Opp nei negozi che vendono tipicità regionali)
olio /sale



PREPARAZIONE 
Se utilizziamo i fagioli secchi , metterli a bagno un giorno prima per 12 ore poi lessarli , in modo che siano  pronti per il giorno successivo.Vanno benissimo anche quelli in scatola.
Lavare , sbucciare la zucca  e tagliarla a pezzi grossolani.




1-Lessarla in acqua salata per 15/20min (dipende dalla varietà quindi consiglio di assaggiarla).
2-Fatto ciò tenere da parte insieme ai fagioli che avremo cotto prima .
3-Lavare bene i peperoni, privarli dei semi e asciugarli accuratamente con della carta assorbente
4- Scaldare dell'olio su una padella unirvi i peperoni a far soffriggere un minuto.




5- Scolare i peperoni e tenere da parte 
6- In una padella scaldare l'aglio con il rametto di rosmarino (al    quale avremmo tolto le foglie )
7-Saltare nella padella la polpa di zucca 
8- Con l'aiuto di un frullatore a immersione creare la crema di zucca.






PER LA CREMA DI ZUCCA :
Dopo aver ottenuto una crema disporla su i singoli piatti , unire i fagioli che( avremo scaldato a parte ), i peperoni tagliati a listarelle e qualche ago di rosmarino con il proprio fiore come decorazione.






PER LA RICETTA TRADIZIONALE:

Ripassiamo in padella la zucca (senza ridurla in crema poi ), uniamo anche i fagioli  e le listarelle di peperone  , e facciamo insaporire il tutto , versiamo su di un piatto da portata opp. come o fatto io su delle ciotoline monoporzione e decoriamo con il rosmarino.










CHE NE DITE DELLA VERSIONE FINGER FOOD???


Ho usato la crema di zucca e ho fatto anche una crema di cannellini che ho messo sopra !!



 spero di avervi incuriosito! ....BUONE RICETTE....  da Stellina 

con questa ricetta partecipo al contest
http://www.mentaecioccolato.com/2013/10/cucinando-tra-cielo-e-terra-profumi-e.html



Nessun commento:

Posta un commento